Pubblicazioni

l'idea-nel-cassetto-libro-startup-sandro-zilli

L’Idea nel cassetto

Trasforma il tuo sogno in una startup di successo

L’idea di questo libro nasce dal confronto con tante persone incontrate in questi anni di crisi e difficoltà lavorative che vorrebbero mettersi in gioco ma non sanno da dove iniziare. Mi capita spesso di sentire i racconti di chi non è appagato dalla sfera lavorativa, magari ha un lavoro ma si lamenta delle scarse soddisfazioni e possibilità di crescita, oppure lo sta cercando ma si trova a valutare offerte al ribasso con pochi diritti e compensi non commisurati al valore che porta in azienda. Negli occhi di queste persone vedo sempre la stessa ambizione ed energia ed il desiderio di liberarle per realizzare finalmente il sogno che tengono chiuso nel cassetto.

Sentono di avere in sé delle potenzialità e talenti che hanno solo bisogno di una occasione per essere sprigionati e vogliono “mettersi in gioco” mostrando chi sono veramente, senza essere frenati dal giudizio altrui, dalla timidezza, dalla paura di fallire. Per usare una metafora, si sentono come un giacimento d’oro le cui vene aurifere non sono sfruttate.

Questo libro è dedicato proprio a chi sente questo impulso e vuole avviare una Startup tirando fuori dal cassetto la propria idea imprenditoriale e cercando di cambiare la propria situazione professionale.

I casi di successo ci mostrano che lo startupper può essere ognuno di noi: un giovane che non trova lavoro, una donna esclusa dal mercato del lavoro dopo la maternità, un senior manager divenuto troppo caro per l’azienda, un giovane laureato che non si accontenta di quello che sta facendo. Queste persone portano con sé un capitale di esperienza, professionalità ed entusiasmo che può essere messo a frutto per reinventarsi un futuro che risponda alle proprie ambizioni.

Questo testo nasce per guidarli attraverso le fasi che portano alla creazione di un’impresa di successo: dall’analisi del mindset ovvero l’atteggiamento mentale e la visione funzionali a raggiungere l’obiettivo; alla valutazione dello skillset necessario per poterlo raggiungere ed ovviamente la considerazione del toolset necessario per strutturare il progetto.

Per completare lo scenario e fornire spunti pratici al lettore, ma sopratutto a testimonianza del fatto che nulla è impossibile, ho condiviso alcuni casi di successo di Startup avviate presso LUISS ENLABS “La Fabbrica delle Startup”, acceleratore d’impresa nato da una joint venture tra LVenture Group e l’Università LUISS, con la descrizione delle intuizioni e fattori che le hanno portate a sviluppare pienamente il loro progetto imprenditoriale.

 

Buona Lettura

SZ

StartUp innovative la “febbre dell’oro” microimpresa, tecnologia e formazione

Sulle startup si avvicendano molti luoghi comuni: alcuni pensano che siano una realtà marginale della nostra economia, altri ritengono che siano solo dei casi di studio accademico, altri ancora che siano un fenomeno di moda ma passeggero. Ma i numeri ci dicono tutt’altro.

Secondo l’ultimo report del MISE, in Italia le startup innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese, si avvicinano a quota 10mila con una crescita annua pari a +22,6%. Anche la forza lavoro delle startup è cresciuta in modo più che proporzionale rispetto all’aumento del numero delle imprese, con 52mila risorse impiegate tra soci operativi e addetti, facendo quindi registrare un’importante incremento del +33,2% rispetto allo scorso anno. Inoltre, con la recente approvazione della nuova legge di bilancio 2019, che include alcune norme agevolative dedicate alle startup e ai fondi di venture capital, il fenomeno è destinato a crescere ulteriormente. Un altro aspetto positivo di questo trend, è che finalmente i giovani sono tornati ad avere il desiderio di fare impresa, creare qualcosa di totalmente innovativo e farlo con una modalità scalabile e a livello globale. L’italiano in fondo ha l’imprenditorialità nel proprio DNA, come testimoniato da numerose aziende di eccellenza nel design, food, moda, manifatturiero, che sono cresciute e hanno prosperato ma che sono state create due generazioni fa.

 

Continua leggere l’articolo